Il reato di produzione e traffico di stupefacenti nel Codice Penale Spagnolo- II parte - LIUZZI e LIUZZI Studio Legale Internazionale in Italia e Spagna: assistenza e consulenza legale in ambito civile, penale e tributario

Vai ai contenuti

Il reato di produzione e traffico di stupefacenti nel Codice Penale Spagnolo- II parte

    

Il reato di produzione e traffico di stupefacenti nel Codice Penale Spagnolo

L'aggravante relativa alla somministrazione di droghe tossiche, stupefacenti o sostanze psicotrope a minorenni, minorati psichici oppure persone in trattamento di riabilitazione.

Una delle aggravanti contemplate dall'art. 369 del Codice Penale Spagnolo relative al reato di cui all'art. 368 del suddetto Codice (per altri approfondimenti relativi al reato di produzione e traffico di stupefacenti in Spagna  premere qui)  è quella di cui al comma 4 il quale prevede che saranno applicate le pene “superiores en grado” rispetto a quelle previste dall'art. 368 del “Código Penal Español” e la multa “del tanto al cuádruplo” nell'ipotesi in cui le droghe tossiche, stupefacenti, o sostanze psicotrope vengano fornite a minorenni, minorati psichici oppure a persone in trattamento di riabilitazione.

La dottrina considera che detta aggravante è stata contemplata dalla norma penale considerando la particolare vulnerabilità dei soggetti cui vengono somministrate le droghe e/o le sostanze psicotrope data la minor capacità dei medesimi per decidere e valutare i rischi del consumo di droghe, che comporta quindi una situazione di superiorità dell'autore del reato (soggetto attivo) nei confronti del  soggetto passivo.

La dottrina ritiene che condotta tipica che comporta l'applicazione dell'aggravante di cui all'art. 369 comma 4 del Codice Penale Spagnolo  viene posta in essere mediante la consegna materiale della droga al soggetto passivo.
Torna ai contenuti