Presentazione Ricorsi in Commissione Tributaria - LIUZZI e LIUZZI Studio Legale Internazionale in Italia e Spagna: assistenza e consulenza legale in ambito civile, penale e tributario

Italiano
Vai ai contenuti

Presentazione Ricorsi in Commissione Tributaria

Ricorsi in Commissione Tributaria

Se vi è stata notificata da parte di Equitalia una cartella di pagamento (cartella esattoriale), un'intimazione di pagamento oppure un altro atto, in cui Vi intimano di provvedere al pagamento per esempio di IRPEF, IVA, IRAP, sanzioni amministrative (multe), bollo auto, oltre alle sanzioni ed agli interessi e considerate tali richieste illegittime oppure, dopo aver fatto valutare l'atto notificatovi da Equitalia da parte di un professionista avete saputo che l'atto notificato è illegittimo e quindi volete ricorrere presso la Commissione Tributaria ( per esempio, a seconda della natura dell'atto e dei vizi eccepiti, contro Equitalia, Agenzia delle Entrate, Camera di Commercio, Polizia Municipale ) il nostro Studio potrà prestarVi assistenza giudiziale tributaria in tutta Italia, davanti alla Commissione Tributaria Provinciale oppure Commissione tributaria regionale di competenza in qualunque città d'Italia, senza la necessità di spostarVi dalla Vostra casa, ufficio, azienda , luogo di lavoro ecc.

Il nostro Studio inoltre potrà fornirVi previamente anche un parere legale relativo all'atto di Equitalia notificatoVi indicandoVi se lo stesso legittimo oppure se può essere impugnato, se è possibile richiedere la sospensione dell'esecuzione eventualmente avviata, del fermo amministrativo ecc.

Se invece Vi è stato notificato un atto da parte di Equitalia, relativo a contributi previdenziali (per es. INPS)  il nostro Studio Vi assisterà, in tutta Italia, presso il Tribunale Civile- Sezione lavoro, competente per conoscere i contenziosi relativi a tali tipi di atti.
In questo caso, se desiderate essere assistiti legalmente, non attendete i 60 giorni oppure 40 giorni per fare ricorso indicati nell'atto notificatovi, dato che, in presenza di determinate situazioni e specifici requisiti previsti dalla legge, è necessario ricorrere contro l'atto notificato da Equitalia entro 20 giorni dalla data di notifica.

Se sono trascorsi più di venti giorni dalla notifica da parte di Equitalia di un atto relativo ai contributi previdenziali oppure più di 40 o 60 giorni, non esitate a contattare il nostro Studio che potrà valutare se sussistono i presupposti  e le condizioni per poter agire giudizialmente, anche tardivamente, avverso l'atto o gli atti a Voi notificati.

Anche nell'ipotesi in cui scopriate, magari dopo aver chiesto l'estratto della Vostra situazione debitoria oppure l'estratto di ruolo ad Equitalia, che vi sono delle cartelle di pagamento che Equitalia afferma aver notificato ma che Voi non avete mai ricevuto, lo Studio Legale Internazionale Liuzzi e Liuzzi potrà analizzare il Vostro caso e verificare se le somme sono realmente dovute, se Equitalia ha seguito la procedura prevista dalla Legge oppure se, invece, vi sono dei vizi nel procedimento di iscrizione a ruolo, emissione e notifica della cartella di pagamento e/o dell'intimazione di pagamento (oppure di altri atti).

ITALIA
Telefoni e fax                      
Tel.: +39 06 92 95 83 92
       +39 02 87 15 98 07
Roma- Milano- Bologna- Torino- Firenze
(e altre località italiane)      


    
         







SPAGNA
Telefoni e fax
Tel.:  + 34 931 84 54 82
         + 34 971 57 67 29
Barcelona- Madrid- Palma de Mallorca- Sevilla- Valencia
(e altre località spagnole)




ITALIA
Telefoni e fax                      
Tel.: +39 06 92 95 83 92
      +39 02 87 15 98 07
Roma- Milano- Bologna- Torino- Firenze
(e altre località italiane)      




Torna ai contenuti